Profilazione illecita: H&M multata per 35 milioni di euro per raccolta di informazioni sulla vita privata dei propri dipendenti

2020-10-12T10:44:44+02:0030 Set 2020|Categorie: Articolo, In evidenza|Tag: , , , |

Il 1° ottobre 2020, la Commissione per la protezione dei dati e la libertà di informazione di Amburgo (l'“Autorità”) ha comminato una sanzione pari a circa 35 milioni di euro nei confronti della nota società di moda H&M Hennes & Mauritz Online Shop A.B. & Co KG (la “Società” o “H&M”) per aver monitorato e profilato diverse centinaia di dipendenti, dando luogo quindi a una grave violazione dei diritti dei dipendenti stessi. I FATTI CONTESTATI   A partire dal 2014, la Società ha avviato un’operazione di raccolta di informazioni relative alla vita privata dei dipendenti, finalizzata alla creazione di profili personali ben dettagliati da utilizzare o tenere in considerazione sia per la valutazione della performance lavorativa dei dipendenti, sia nell’ambito di decisioni riguardanti il loro impiego. La Società ha ottenuto tali informazioni attraverso le cd. “Welcome back talks” con i dipendenti, organizzate dalla stessa a seguito di vacanze o assenze per motivi di salute in occasione delle quali i dipendenti erano chiamati a condividere con i propri referenti aziendali dettagli della loro vita privata, come ad esempio racconti delle vacanze e delle esperienze ivi vissute o informazioni inerenti al proprio stato di salute e quindi eventuali sintomi e diagnosi di [...]