Menu principale
Fonti & Tematiche

Via libera del Parlamento europeo al Digital Service Act

21 Gennaio 2022

Lo scorso 20 gennaio, il Parlamento europeo (il “Parlamento”) ha approvato il nuovo testo del Digital Service Act (“DSA”) contenente una serie di novità finalizzate a contrastare in maniera più efficace i contenuti illegali online, stabilendo una maggiore responsabilità sul controllo e la moderazione dei contenuti delle piattaforme online.  

Il DSA è composto da una serie di disposizioni normative proposte dalla Commissione europea il 15 dicembre 2020, al fine di irrobustire la disciplina prevista per i servizi digitali, come “i servizi di intermediaazione online, sia di contenuti, prodotti e servizi, messi a disposizione di terzi” ed accrescere, dunque, la protezione degli utenti.

Il testo del DSA, così come emendato dal Parlamento, pone una particolare attenzione nei confronti delle c.d. “Big Tech”, quest’ultime soggette ad ulteriori obblighi specifici a causa dei particolari rischi che rappresentano circa la diffusione di contenuti illeciti e dannosi online.

In particolare, gli emendamenti introdotti dal Parlamento prevedono, inter alia:

  • il divieto di utilizzazione di tecniche di targeting indirizzate a minori o gruppi di persone vulnerabili;
  • il diritto al risarcimento da parte degli utenti per i danni derivanti dal mancato rispetto degli “obblighi di diligenza” delle piattaforme online;
  • l’esenzione da alcuni doveri per le piccole e medie imprese;
  • il divieto di utilizzazione di tecniche ingannevoli (come il c.d. “nudging”) per influenzare il comportamento degli utenti online;
  • la predisposizione di un meccanismo di "notifica e azione" per la rimozione "senza indebito ritardo” di prodotti, servizi o contenuti illeciti online;
  • la predisposizione di maggiori garanzie al fine di assicurare che le notifiche siano trattate in modo “non arbitrario” e “non discriminatorio”, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali, compresa la libertà di espressione.

Il DSA, così come approvato dal Parlamento, sarà utilizzato come “mandato” per la successiva fase di negoziazione con la presidenza francese del Consiglio dell’Unione europea, in rappresentanza degli Stati Membri.


Il testo aggiornato del DSA è disponibile in lingua inglese al seguente link: Texts adopted - Digital Services Act ***I - Thursday, 20 January 2022 (europa.eu)

cross